IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Ultimi argomenti
» ModelSim.Xilinx.Edition.II.v5.6A
Ven 7 Giu 2013 - 0:25 Da dwdwq4

» UGS.CadExtend MDFasteners v8.0 for Solid Edge
Ven 7 Giu 2013 - 0:25 Da dwdwq4

» Flowmaster.V7.R1.build.7.5.0
Ven 7 Giu 2013 - 0:24 Da dwdwq4

» CAD Ence Logic Dnsign AND Verifcation v5.1
Ven 7 Giu 2013 - 0:24 Da dwdwq4

» Cell Illustrator v2.0 win/Linux/MacOSX
Ven 7 Giu 2013 - 0:23 Da dwdwq4

Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Statistiche
Abbiamo 16 membri registrati
L'ultimo utente registrato è ulolik027

I nostri membri hanno inviato un totale di 816 messaggi in 92 argomenti
Chi è online?
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 46 il Mer 22 Lug 2015 - 13:31

Condividi | 
 

 Aria più pulita in Europa

Andare in basso 
AutoreMessaggio
mitmania
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 14.07.10
Età : 46
Località : Falzè di Piave 107 mt s.l.m.

MessaggioTitolo: Aria più pulita in Europa   Dom 12 Set 2010 - 9:00

Interessante articolo apparso sul sito della Repubblica

Europa, l'aria è più pulita, crollano le emissioni nocive

I sorprendenti dati dell'Agenzia per l'ambiente: anche a causa della crisi l'anidride carbonica è diminuita del 17,3. A un passo dall'obiettivo del 20% nel 2020 considerato irrealistico da Berlsuconi e Confindustria di VALERIO GUALERZI

Un obiettivo irrealistico, costosissimo e catastrofico per la nostra economia. Erano queste le lapidarie definizioni con cui poco meno di due anni fa governo Berlusconi e Confindustria boicottarono l'approvazione della direttiva Ue 20-20-20 per ridurre le emissioni di anidride carbonica e incrementare efficienza energetica e fonti rinnovabili. Alla fine la Commissione Europea riuscì comunque ad imporsi e oggi gli ultimi dati sembrano dare ragione alla perseveranza di Bruxelles. La violenta campagna di opposizione lanciata dal premier e dalla presidente degli industriali Emma Marcegaglia sosteneva che tagliare le emissioni di CO2 del 20% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2020 fosse un impresa titanica che sarebbe costata all'Italia una cifra compresa tra i 18 e i 25 miliardi l'anno, pari a circa l'1,14 del Pil. Inoltre avrebbe innescato una fuga di molte produzioni energivore (cemento e acciaio innanzitutto) verso nazioni prive di vincoli ambientali.

Oggi, secondo quanto certifica l'Agenzia europea per l'ambiente, quell'obiettivo è a un passo dall'essere stato raggiunto sebbene alla scadenza manchino ancora dieci anni e di questo bagno di sangue si fatica a trovare tracce. Grazie naturalmente anche all'indesiderata complicità della recessione, stando ai dati diffusi dall'Aea, nel 2009 le emissione dell'Ue a 27 sono scese a -17,3 rispetto al 1990. Impressionante il calo registrato nel corso di un solo anno con un -6,9% rispetto al 2008. L'Agenzia è convinta però che la crisi sia solo una delle ragioni che hanno portato al crollo nei consumi energetici e che un'eventuale ripresa economica porterebbe a cali meno vistosi nelle emissioni, ma difficilmente a un'inversione di tendenza. "È vero che la recessione ha contribuito a far scendere le emissioni (specie nei Paesi che non hanno fatto quasi nulla e non hanno una strategia, come l'Italia) - commenta Maria Grazia Midulla, responsabile clima ed energia del Wwf - ma le emissioni europee scendono da diversi anni, anche prima della crisi. L'economia si riprenderà proprio grazie alle nuove industrie a bassa emissione di carbonio, e non agli inquinatori del passato". "Ci auguriamo - aggiunge - che l'Italia colga questa opportunità, anche industriale, e non svolga sempre il ruolo di chi si oppone all'avanzamento dell'obiettivo per nascondere l'inazione in casa propria: è ora che la nuova economia low carbon assuma un ruolo trainante anche da noi".

Sul tappeto c'è infatti la proposta - sostenuta innanzitutto dai big Francia, Germania e Regno Unito ma avversata da Roma - di portare l'obiettivo della direttiva europea per il 2020 a un taglio del 30%. Un ambizione che appare decisamente più adeguata agli ottimi risultati registrati sin qui e che il Wwf vorrebbe si spingesse fino al 40%. "Con riduzioni già ora del 17,3% - sottolinea Midulla - l'idea che l'Europa tagli le emissioni solo del 20% per il 2020 è ridicola, vorrebbe dire smettere di ridurre le emissioni e aspettare il 2020 a braccia conserte. Occorre innalzare l'obiettivo europeo al 40%: questo è in linea con quanto necessario per evitare pericolosi cambiamenti climatici e porterebbe enormi benefici alla popolazione e all'economia dell'Europa, offrendo un reale impulso all'innovazione tecnologica".

(11 settembre 2010)
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://piavemeteo.altervista.org
Ronin
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 403
Data d'iscrizione : 14.07.10
Età : 37
Località : Colbertaldo (TV) 152 m slm

MessaggioTitolo: Re: Aria più pulita in Europa   Dom 12 Set 2010 - 13:17

Interessante articolo.
Crisi o non crisi secondo me con scelte giuste orientate a fonti energetiche più "pulite" è possibile pian piano arginare/migliorare il problema delle emissioni nocive.
Wink
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.colbertaldometeo.altervista.org/Home.html
 
Aria più pulita in Europa
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Gara Tour d'europa dal 01.03 al 05.03.11
» *La Prova Del 5 *Del 26/03/2011
» Previsioni 899 per il 28/30 Aprile/02 Maggio
» Previsioni 899 per il 20/22/24 Gennaio
» Gara Tour d'europa dal 08.02 al 12.02.11

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Meteo Alta Marca :: Meteorologia :: Discussioni meteo-
Andare verso: